CAI Monti Lattari

325

Sentiero basso di Valle delle Ferriere

Punto di partenza Amalfi (Piazza Flavio Gioia)
Punto di arrivo Scala (Riserva Naturale Orientata di Valle delle Ferriere)

Informazioni

Informazioni principali sul sentiero

Avvertenze
A causa della improvvisa caduta di alcune pietre miste a tronchi, la Riserva Naturale Orientata è stata chiusa all'accesso dei visitatori. Sono in corso le procedure per la messa in sicurezza del luogo, destinate a durare, con tutta probabilità, circa 2 mesi. Non appena riceveremmo comunicazione della riapertura, daremo prontamente avviso. Si precisa che detta chiusura non crea alcun impedimento alla percorribilità del sentiero 325 che è aperto e liberamente percorribile.
Come raggiungere il sentiero
Il sentiero parte dalla Piazza Flavio Gioia di Amalfi, che è anche il capolinea dei bus SITA provenienti da Salerno e Sorrento, nonché capolinea dei traghetti con provenienza Salerno, Positano e Capri. Questi ultimi sono attivi da aprile ad ottobre.
Toponimi del percorso
Amalfi (5), Incrocio 361 (7), Incrocio 323 (18), Incrocio 359 (25), Incrocio 323a Rudere delle Ferriere (244), Incrocio 325a Acquedotto (288), Riserva Naturale Orientata (285).
Punti di rifornimento idrico
Fontana Sant'Andrea Fontana Cap e Ciuccio Fontana Madonna del Rosario Sorgente Riserva Naturale Orientata

Descrizione

Il percorso consente di far visita alla città di Amalfi nonché alla zona più significativa della Valle delle Ferriere, che si sviluppa lungo il torrente Canneto. Si tratta di una zona industriale rimasta attiva tra il 1200 ed il 1800 per la produzione di carta e che termina con la famosissima Riserva Naturale Orientata, al cui interno germoglia ancora una felce risalente all’epoca pre-glaciale (Woodwardia Radicans).
Parte da Piazza Flavio Gioia (m 5), luogo di arrivo di bus e traghetti. Dopo pochi metri si raggiunge la Porta della Marina, che dà accesso al centro della città. Poco distante da Porta della Marina, sulla sinistra, sorge l’Arsenale della Repubblica, dove si realizzavano le navi del Ducato di Amalfi, attualmente sede del Museo della Bussola e del Ducato di Amalfi. Superata Porta della Marina, si entra in Piazza Duomo, dove sorge la Cattedrale di Sant’Andrea Apostolo, un complesso monumentale di rara bellezza, risalente al 987, dove sono custodite le spoglie dell’Apostolo Andrea. Adiacenti alla cattedrale sono Il Chiostro del Paradiso, risalente al 1268, Il Campanile, risalente al 1180, La Basilica del Crocifisso, risalente al IX sec, e la Cripta contenente le spoglie del Santo, che risale al 1203.
Da Piazza Duomo si percorre verso nord il corso principale di Amalfi (Via Lorenzo d’Amalfi – Via Pietro Capuano) nonché il primo tratto della Valle dei Mulini (Via Marino del Giudice – Via delle Cartiere) fino a raggiungere il Museo della Carta, un’antica cartiera dove è possibile apprendere il processo di produzione della carta di Amalfi.
Dal Museo della Carta si procede verso destra (Via Orso Leone Comite) e, dopo pochi metri, si prende la scalinata sulla sinistra (Via Grade Lunghe) che conduce alla zona delle antiche cartiere. Lungo il percorso, si incontrano floridi limoneti ed, in sequenza, i ruderi della Cartiera De Luca, la Chiesa della Madonna del Rosario, la Cartiera Amatruda, i ruderi della centrale idroelettrica bassa, i ruderi della Cartiera Lucibello-Confalone, quelli della cartiera Marino, la centrale idroelettrica alta (ancora attiva) ed i Ruderi della Ferriera (m 244), dove si estraeva il ferro dalle pietre che venivano portate dall’Isola d’Elba.
Si prosegue lungo il sentiero che costeggia il Canneto e, dopo aver attraversato il torrente, si sale fino a quota m 288, dove si incontra l’Acquedotto che capta l’acqua del Canneto per alimentare la centrale idroelettrica.
In questo punto, il percorso dirama verso destra fino a raggiungere la Riserva Naturale Orientata (m 285), dove è possibile accedere solo previa autorizzazione del Corpo della Forestale.

Galleria del Sentiero

Da Instagram #caimontilattari325

Commenti e Recensioni

Leggi cosa gli altri pensano di questo sentiero o condividi la tua opinione

1 commento

  1. Il paradiso a 2 passi da Amalfi

    Semplicemente stupendo!! Il sentiero è chiaro, ben indicato, facile e molto pulito. Zigzagando fra i ruderi delle antiche cartiere di Amalfi, arriva alla Riserva delle Ferriere dove ci attende un meraviglioso ambiente naturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *