CAI Monti Lattari

301

Sentiero alto di Valle delle Ferriere

Punto di partenza Scala (Monte Rotondo)
Punto di arrivo Agerola (Ammarrata (Imbarrata))

Informazioni

Informazioni principali sul sentiero

Come raggiungere il sentiero
Si raggiunge a piedi, percorrendo l'Alta Via dei Monti Lattari (300) oppure una delle bretelle che partono da Ravello (353), Scala (357), Amalfi (325, 359, 361a), Agerola (369, 363, 365)
Toponimi del percorso
Incrocio 300 M.Rotondo (1023), Incrocio 353 Piano del Ceraso (1036), Belvedere Mustaculo (1005), Il Castello (873), Incrocio 351a Punta delle Castagne (715), Incrocio 357 Pellagra (490), Fic'a Noce (460), Incrocio 325 Frascale (450), Incrocio 359 Paradiso (498), Acquolella (644), Incrocio 361a Railo (737), Incrocio 369 369a (760), Incrocio 365 Monte (866), Pontichito, Croce di Scupolo (1078), Incrocio 300 Ammarrata (Imbarrata) (1044).
Punti di rifornimento idrico
Acquolella

Descrizione

Il percorso consente di far visita alla parte alta del Vallone delle Ferriere di Amalfi-Scala.

Pur trattandosi di una traversata, può diventare facilmente un circolare atteso che i punti di inizio e fine percorso sono distanti appena 1,5 Km e sono collegati dal sentiero CAI 300. Ciò comporta che il percorso può essere iniziato da uno qualsiasi dei punti in cui è raggiunto da una bretella.

Qui descriviamo il percorso con inizio dal Monte Rotondo (1020). Dall’incrocio con l’Alta Via dei Monti Lattari (CAI 300), si procede verso nord-est, tenendosi all’esterno della recinzione della Riserva Naturale di Valle delle Verriere. Dopo circa 10 minuti di cammino lungo un sentiero privo di difficoltà, si raggiunge l’altopiano denominato Piano del Ceraso (m 1036), dove il percorso si incrocia con il 353 CAI, proveniente da Scala-Santa Caterina e dalla vicina area di Santa Maria dei Monti.

Attraversato l’altopiano si arriva al Belvedere Mustaculo (m 1005), un punto estremamente panoramico su Amalfi, Ravello e Scala. Dal belvedere Mustaculo il percorso diventa di difficoltà EE (per escursionisti esperti) in quanto la discesa al Castello avviene attraverso un sentiero poco evidente, in forte pendenza e particolarmente esposto, che immette su una cengia, stretta ed anch’essa molto esposta, che, percorsa verso sinistra, porta fino all’area del Castello (m 873).

La fortificazione costituiva la roccaforte più a monte del Ducato di Amalfi. Di essa sono rimasti in piedi solo piccoli tratti dei muri di cinta.

Si continua la discesa fino alla località Punta delle Castagne (m 715). Giunti all’altezza dell’incrocio con il 351a CAI, si prosegue versa destra seguendo il sentiero che immette in un anfiteatro di roccia di rara bellezza, con pareti alte centinaia di metri. Si scende fino alla località Pellagra (m 490), dove il percorso si incrocia con il 357 CAI, proveniente da Scala-Campidoglio.

Da questo punto il percorso torna ad essere di media difficoltà (E). Si procede verso l’interno del Vallone delle Ferriere fino a raggiungere la località Fic’a Noce (Il fico ed il noce) (m 460), dove si incontra la parte alta del torrente Canneto, noto per essere quello che attraversa la città di Amalfi.

A questo punto, bisogna oltrepassare il torrente per raggiungere il versante opposto. L’acqua è alta pochi centimetri e solo nei periodi di maggiore piena potrebbe essere necessario togliere le scarpe. Guadato il torrente si prosegue verso sinistra. Dopo un breve tratto su cengia stretta, il sentiero diventa nuovamente agevole e prosegue senza particolari difficoltà fino a raggiungere la località Prascale (m 450) dove incrocia il 325 CAI , proveniente da Amalfi.

Si prosegue verso destra,fino a raggiungere la località Paradiso (m 498), dove il percorso incrocia il 359 CAI. Si prosegue nuovamente verso destra fino a raggiungere dapprima la sorgente dell’Acquolella (m 644), dove è possibile effettuare rifornimento d’acqua, e poi la località Raito (m 737), dove il percorso incrocia il 361a CAI. Si prosegue verso destra fino a raggiungere la falda nord-est del Monte Murillo, ove insiste l’incrocio con i sentieri 369 e 369a CAI.

Si procede verso destra fino a raggiungere la località Monte (m 866) dove il percorso incrocia il 365. Si prosegue ancora verso destra fino a raggiungere la località Pontichito (m 916). Il percorso attraversa ancora la località Croce di Scupolo (m 1078) fino a raggiungere quella di Ammarrata (detta anche Imbarrata) (m 1044), dove termina innestandosi nuovamente sull’Alta Via dei Monti Lattari (CAI 300).

Galleria del Sentiero

Da Instagram #caimontilattari301

Commenti e Recensioni

Leggi cosa gli altri pensano di questo sentiero o condividi la tua opinione

1 commento

  1. Molto panoramico

    Percorso il tratto fra la bretella di collegamento 325a e bivio di Pellagra con il 357, passando per Fic’ a Noce. Tratto impeccabile per pulizia e tenuta, agevole e sostanzialmente in piano. Il tratto panoramico da Fic’ a Noce a Pellagra percorso in quota offre panorami veramente splendidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *