CAI Monti Lattari

News

Escursione Notturna Sabato 13 Luglio

SABATO 13 LUGLIO

Escursione notturna al Molare (Faito)

Con osservazioni astronomiche, aspettando l’alba

DISLIVELLO: 280 m DURATA: 3h soste escluse DISTANZA: 4 km

TIPOLOGIA DI SENTIERO: A/R DIFFICOLTA’: EE

Direttore di escursione:  Raffaele D’Arco – Tf: 3337686127

APPUNTAMENTO: Castellammare di Stabia, Piazza Municipio, ore 20.30 con mezzi propri.

EQUIPAGGIAMENTO: Scarponi da montagna, abbigliamento escursionistico a strati, giacca a vento, bastoncini telescopici, lampada frontale (non torcia a mano) con batterie di ricambio e acqua, almeno 2 litri. Poichè sul Molare la temperatura è notevolmente inferiore rispetto alla città è necessario attrezzarsi con abbigliamenti caldi e sacco a pelo.

PERCORSO ANDATA E RITORNO (DOPO UNA SOSTA IN PIZZERIA): Castellone – Acqua Santa – Monte Molare – Acqua Santa – Castellone

AVVERTENZA: Il Direttore d’Escursione si riserva di modificare in parte l’itinerario in caso di condizioni meteo avverse o di condizioni del percorso e capacità dei partecipanti tali da impedire la conclusione dell’escursione nei tempi prefissati. I partecipanti devono obbligatoriamente telefonare al 3337686127 entro il venerdì precedente.

 Partiamo dal parcheggio per le auto ricavato in una cava nei pressi del Castellone da dove imbocchiamo il sentiero CAI 350 in discesa per circa 30 m. (Prestare attenzione al primo tratto che potrebbe essere un po’ scivoloso).

Poi cominciamo la nostra salita su traccia evidente fino a raggiungere un ampio versante di strato, sul quale si procede comodamente per affacciarsi su un vasto panorama che abbraccia la vallata. Il belvedere è protetto da un parapetto metallico. Da qui il sentiero continua sotto alte pareti fino a raggiungere una suggestiva sorgente, l’Acqua Santa, dove, alla base della parete, troviamo un grande sgrottamento e possiamo ammirare la Lonicera Stabiana.

Il sentiero procede in leggera discesa, per poi riprendere a salire, sempre largo e comodo e in pochi minuti di cammino incrocia il sentiero CAI 300, l’Alta Via dei Lattari. Il sentiero a questo punto si biforca: a destra ci conduce verso il Monte Molare (1444 m) e la Croce della Conocchia (1266 m), mentre a sinistra scende ad Agerola passando per la valle Palmentiello.

Procediamo a destra verso il Molare, per tornanti in salita nel bosco all’ombra dei faggi. Alla fine della salita e della faggeta ci troviamo alla base delle pareti rocciose e al bivio tra la Conocchia e il Molare. Si sale per altri 4-5 metri per affacciarsi sul versante occidentale dove lo scenario si apre con una meravigliosa vista sulla Penisola Sorrentina e Amalfitana. Imboccato il sentiero a sinistra, dopo ulteriori 200 metri si raggiunge una sella alla base meridionale del Molare. Infine si guadagna la cima procedendo per un ripido ed esposto, ma evidente, sentiero che sale a zig zg tra facili roccette.

FLORA: La Lonicera Stabiana o Caprifoglio di Stabia è un esempio di endemismo puntiforme localizzato esclusivamente in alcuni luoghi del gruppo dei Monti Lattari. Cresce tra i 750 m e i 1400 m s.l.m. ed è una pianta rupicola che cresce pendula nei crepacci delle rupi calcaree in ambiente umido e ombroso. Il momento migliore per ammirare il Caprifoglio di Stabia è nel periodo estivo (giugno – agosto), quando si offre agli occhi dell’osservatore splendidamente fiorito.

PUNTI D’ACQUA: Nessun punto d’acqua.

Approfitteremo delle particolari condizioni ambientali dell’escursione per osservare la sfera celeste, con l’illustrazione del cielo notturno tra Stelle, Pianeti e Costellazioni aspettando l’alba!

E non dimenticate che il prossimo 16 Luglio ci sarà una meravigliosa Eclissi parziale di Luna e, poi, il 20 luglio il Cinquantenario della Grande Notte dello Sbarco suE non dimenticate che il prossimo 16 Luglio ci sarà una meravigliosa Eclissi parziale di Luna e, poi, il 20 luglio il Cinquantenario della Grande Notte dello Sbarco sulla Luna.

Vi aspetto!  Raffaele D’Arco

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *