CAI Monti Lattari

News

Escursione 20 novembre

Domenica 20 novembre 2016

Monti Lattari

Anello Nord del Monte Finestra (1138 m)

per il Sentiero Sergio Rosa

 DIFFICOLTA’: EE

(escursione impegnativa su sentiero molto ripido e scivoloso e con numerosi tratti esposti.

La cresta finale e la cengia del “Malopasso” richiedono passo fermo e assenza di vertigini!)

 

DIRETTORI DI ESCURSIONE:

 Raffaele LUISE (Cell.: 339.2040444)

Domenico OGNISSANTI (Cell.: 339.4809930)

Appuntamento alle ore 8:15 al Viale Europa nei pressi dell’Ospedale oppure a Cava de’ Tirreni, località Sant’Arcangelo nei pressi dell’agriturismo Il Casone alle ore 9:30

 

DURATA ESCURSIONE: 6 ore circa

DISLIVELLO: circa 750 m

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO: Scarponi da montagna, abbigliamento escursionistico a strati, mantellina antipioggia, cappello, guanti, lampada frontale, pranzo a sacco ed acqua (almeno un litro e mezzo).

DESCRIZIONE PERCORSO: lasciate le autovetture nei pressi dell’Agriturismo “Il Casone”, in località S. Arcangelo di Cava, si percorre il facile sentiero di avvicinamento che, con moderata pendenza, in breve conduce in prossimità di un bivio. Da questo punto è possibile imboccare il sentiero cosiddetto del “Buco” (308), che sale  direttamente fin sulla sella caratterizzata dalla presenza di un grande buco nella roccia, che divide la vetta Sud (m. 1145) dalla Nord (detto il “Telefono”, m. 1138), oppure il “sentiero alpinistico Sergio Rosa” (310), intitolato al giovane roveretano che, nel lontano 1941, precipitò nell’intento di superare la parete del  Monte Telefono. Si prende il sentiero sulla destra, il  n. 310, che molto rapidamente consente di guadagnare quota grazie alla sua pendenza elevata. Superato il tratto boscoso, presto si esce allo scoperto e si piega sulla sinistra, lungo una cresta molto panoramica ed esposta, fiancheggiata da vegetazione bassa. Si raggiunge il punto in cui è collocata la lapide intitolata a Sergio Rosa, ai piedi della strapiombante parete rocciosa che precipita sul sottostante vallone.  Un ultimo ripido tratto, dove per la progressione è spesso richiesto l’utilizzo delle mani, consente di guadagnare l’aerea cresta finale che conduce direttamente sulla vetta del Monte Finestra Nord, dove è stato recentemente costruito un comodo e accogliente rifugio.

Ritorno: Il rientro avviene per il sentiero 308 che, per mezzo della celebre cengia del Malopasso (breve ma esposta), consente di raggiungere la sella che divide le due vette,  ove è collocato il caratteristico “buco del Finestra”! Dalla sella il sentiero perde quota molto rapidamente con delle piccolo serpentine, fino a riprendere pendenze più moderate che richiedono comunque attenzione. Raggiunto il bivio col sentiero 310, già percorso all’andata, in breve si rientra alle autovetture.”

AVVERTENZA: I direttori di escursione si riservano di variare il percorso in caso di pioggia nei giorni precedenti l’escursione o di condizioni del sentiero e capacità dei partecipanti tali da impedire la conclusione dell’escursione nei tempi prefissati, Non saranno ammessi a partecipare i soci non adeguatamente equipaggiati.